RADIOFREQUENZA - Dott. Antonio Bellino

Dr. Antonio Bellino
Medicina e Chirurgia Estetica
AntiAging - Nutrigenomica - Trichiatria
Vai ai contenuti
Cosa è la Radiofrequenza elettromedicale?
La Radiofrequenza, termine erroneamente inflazionato in quanto designa in sè solo una semplice entità della fisica ( la Radiofrequenza, appunto)  è alla base di quell' approccio terapeutico medicale più correttamente definito "Diatermia", ovvero , tradotto letteralmente: "Calore Attraverso ".
La Diatermia è una metodica che ci permette di veicolare quantità di calore desiderate in determinati distretti corporei ed a determinate profondità evitando le zone soprastanti che altrimenti, onde permettere al tessuto sottostante di riscaldarsi a dovere, si ustionerebbero!

E' quindi una metodica che, volendola riassumere in un concetto semplicissimo, permette di trasferire e guidare il calore in determinate zone ed a determinate profondità , bypassandone altre per evitarne l'ustione.

Come agisce la Diatermia ?
Attaverso l'erogazione di radioonde emesse a determinate "radiofrequenze". Da qui, il nome con cui la metodica è conosciuta.  
Le Radioonde a seconda della modalità e dei manipoli di erogazione possono sortire diversi effetti. Ecco allora che si parlerà di Diatermia (o Radiofrequenza) monopolare, bipolare , frazionata etc.
L'effetto delle Radioonde si estrinsecherà a livello tissutale a seconda delle modalità di esecuzione della terapia,  in vari modi: contrazione delle fibre collagene, deposizione di nuove, miglioramento della funzione microcircolatoria, aumento del metabolismo degli accumuli adiposi, allontanamento delle scorie ossidative tissutali,  riduzione degli stati edematosi, riduzione di produzione del sebo cutaneo, rilassamento muscolare etc.

Come si esegue?
Applicando determinati manipoli a contatto con la cute , con creme specifiche e secondo deteminati protocolli terapeutici procedurali. Non si usano aghi nè iniettivi nè anestesia. Indolore o più o meno fastidiosa a seconda dei casi; non lascia segni se non arrossamenti localizzati nella zona di esecuzione che regrediscono entro breve.    

Per quali distretti è indicata?
Viso, corpo, addome, contorno occhi, solchi naso-genieni,  zigomi,  fronte, mento, collo,  braccia, interno ed esterno coscia,  glutei, addome e ginocchio.

Che risultati noto nella pratica?
Attenuazione rughe con effetto liftante,  riduzione accumuli adiposi, riduzione/attenuazione inestetismi cellulite, miglioramento della circolazione con attenuazione dei sintomi da "gambe pesanti", ringiovanimento cutaneo, attenuzione effetto lucido cutaneo, riduzione degli sfoghi da acne, rimodellamento silhouette corporea, detensione stati contrattuali muscolari, risoluzione algie osteo-articolari, etc.

In quanto tempo noto i risultati?
Dipende dal protocollo a cui è indirizzata la paziente.
Si ha comunque nell'immediato periodo post-procedurale un visibile effetto di  "Facial Tightening" dato dalla reattività immediata delle fibre collagene all'effetto delle radioonde. Ovvero un effetto immediato liftante con attenuazione di rughe e solchi.
Nelle settimane e nei mesi seguenti l'effetto benefico continua poi ad estrinsecarsi sia su adipe (in caso di corpo e gambe) che su fibre collagene con riassorbimento dell'uno e deposizione di nuove fibre dell'altro.
Per questo il trattamento con Radioonde va intesao come una "ginnastica" tissutale a cui sottoporre periodicamente i distretti interessati, onde permetterne l'estrinsecarsi dell'effetto terapeutico soprattutto sul lungo termine , dando il tempo fisiologico ai tessuti di riorganizzarsi.
In linea di massima si contemplano pacchetti da 12 sedute delle quali 8 con cadenza settimanale, 2 a cadenza bi-settimanale e 2 a cadenza mensile.
Ovviamente il numero e le modalità delle sedute verranno cucite su misura di paziente.

Dott. A. Bellino

Torna ai contenuti