BOTULINO - Dott. Antonio Bellino

Dr. Antonio Bellino
Medicina e Chirurgia Estetica
AntiAging - Nutrigenomica - Trichiatria
Vai ai contenuti
Tra i nomi più ricorrenti e le pratiche più conosciute della medicina estetica, si annovera la tossina botulinica.
Il suo primo uso in medicina avvenne nel 1977 per il trattamento dello strabismo.
Solo nei primi anni ’90 il suo uso si estese all’ambito della chirurgia estetica.
La tossina botulinica è prodotta dal batterio Clostridium Botulinum ed in medicina estetica viene utilizzata nella sua forma purificata nota come Tossina Botulinica di tipo A.
La sua azione consiste nel paralizzare in modo reversibile la muscolatura mimica responsabile della formazione di determinate rughe del volto (rughe di espressione).

Tra le principali indicazioni per l’uso della tossina botulinaica si annoverano:

·         Rughe frontali ed interciliari
·         Rughe perilabiali (anche dette a “codice a barre”)
·         Rughe e solchi glabellari (tra le sopracciglia, o anche dette      “del pensatore”)
·         Rughe periorbicolari (note come “zampe di gallina”)
·         Ringiovanimento del viso ad effetto lifting
·         Iperidrosi (sudorazione ascellare o palmare eccessiva)
·         Cefalee croniche da tensione

Il trattamento consiste nella iniezione di piccoli ponfi a livello dei gruppi muscolari interessati e preventivamente studiati in modo da non alterare la dinamica espressiva del paziente trattato.

Il tempo per le iniezioni è di circa 20 min e l’effetto della tossina durerà in media 6-7 mesi.
Appena dopo eseguite le iniezioni, potrebbe essere avvertito un lieve bruciore o rossore della zona.
In  taluni casi piccole ecchimosi retrocederanno entro qualche giorno.  
Già dopo una settimana dalle iniezioni sarà possibile scorgere l’attenuazione della ruga dovuta alla contrazione del muscolo mimico sottostante ormai paralizzato.

Tra i pochi effetti collaterali, potrebbe in qualche caso sopraggiungere la ptosi palpebrale che si autorisolverà in circa 3-4 settimane.
E’ importante che dopo il trattamento il paziente non traumatizzi con massaggi o frizioni la zona trattata, truccandosi ed esponendosi al sole solo dopo circa 10 gg e seguendo comunque tutti gli accorgimenti riferiti al momento del trattamento.
Torna ai contenuti