--> Le scadenze dei cosmetici - Approfondimenti in Medicina Estetica - Dott. Antonio Bellino

Perfezionato in Chirurgia Estetica Morfodinamica
Esperto e Consulente in Laserterapia e Laserchirurgia Estetica
Consulente in Tecnologie Elettromedicali Estetiche Non Invasive
Specialista in Chirurgia Generale
Perfezionato in Medicina Estetica
Esperto e Consulente in Medicina AntiAging e Nutrigenomica

Dott.
Antonio Bellino
Esperto e Consulente in Medicina Anti-Aging e Nutrigenomica
Esperto e Consulente in Laserterapia e Laserchirurgia Estetica
Consulente in Tecnologie Elettromedicali Estetiche Non Invasive
Specialista in Chirurgia Generale
Perfezionato in Chirurgia Estetica Morfodinamica
Perfezionato in Medicina Estetica
Perfezionato in Chirurgia Estetica Morfodinamica
Esperto e Consulente in Laserterapia e Laserchirurgia Estetica
Consulente in Tecnologie Elettromedicali Estetiche Non Invasive
Specialista in Chirurgia Generale
Perfezionato in Chirurgia Estetica Morfodinamica
Perfezionato in Medicina Estetica
Esperto e Consulente in Laserterapia e Laserchirurgia Estetica
Esperto e Consulente in Medicina AntiAging e Nutrigenomica
Consulente in Tecnologie Elettromedicali Estetiche Non Invasive



Specialista in Chirurgia Generale
Perfezionato in Chirurgia Estetica Morfodinamica
Perfezionato in Medicina Estetica
Esperto e Consulente in Laserterapia e Laserchirurgia Estetica
Esperto e Consulente in Medicina AntiAging e Nutrigenomica
Consulente in Tecnologie Elettromedicali Estetiche Non Invasive



Vai ai contenuti

Menu principale:

--> Le scadenze dei cosmetici

Dott. Antonio Bellino
Pubblicato da in Medicina estetica ·
Tags: #Parabeni#Cosmetici
Conservanti, Parabeni e scadenze dei prodotti

[image:image-0]
La data di scadenza indicata su una confezione definisce di solito un intervallo di tempo entro il quale si garantisce l'efficacia del prodotto acquistato. Quando si apre una confezione, dal momento in cui la sostanza viene esposta alla luce, all'aria, all'umidità o alla stessa contaminazione esterna delle mani inizia la sua rapida degradazione con proliferazione microbica e perdita delle proprietà del prodotto. Questo è particolarmente vero per creme a base di retinolo, di vitamina C o di Idrochinone che sono molecole particolarmente instabili. In questo casi, il viraggio verso un colore marrone o verso la cristallizzazione del prodotto( come quando presente la  vitamina C ) sono segnali che devono indurre a gettare via la sostanza.
Per mantenere un prodotto efficace più a lungo possibile è sempre bene conservarlo in un luogo asciutto ed al buio, evitando di usare le dita per prenderne dal contenitore. E’ sempre saggio scegliere confezioni che evitino il prelievo del prodotto secondo la modalità suddetta; se questo non è possibile è consigliabile aiutarsi per il prelievo con un applicatore tipo cotton fioc, ovatta o garza.
Normalmente per permettere al prodotto di durare quanto più a lungo possibile vengono usati diversi conservanti.
Tra questi vi sono i parabeni il cui uso è tuttavia ancora controverso.
Dopo varie notizie riportate dai media in merito alla possibilità di effetti nocivi e cancerogeni da parte degli stessi, molte sono le aziende che ne hanno vietato l'uso all'interno dei loro prodotti.
Secondo il Regolamento 1223/2009, quelli considerati sicuri secondo le concentrazioni prescritte dalla legge sono
  • BUTYLPARABEN
  • METHYLPARABEN
  • PROPYLPARABEN
  • ETHYLPARABEN

La somma dei parabeni utilizzati può al massimo avere una concentrazione dell’ 0,8%.
In particolare METHYLPARABEN e ETHYLPARABEN possono essere presenti fino ad un massimo di 0,4%.

In mancanza di nuovi dati di sicurezza per il consumatore, è invece vietato l’uso dei conservanti elencati di seguito :

  • ISOPROPYLPARABEN
  • BENZYLPARABEN
  • PENTYLPARABEN
  • PHENYLPARABEN
  • ISOBUTYLPARABEN  

Altri conservanti altrettanto sicuri di efficaci  sono il fenossietanolo, il sorbato di potassio nonchè lo iodopropinil-butilcarbammato.




Torna ai contenuti | Torna al menu